REPORT OTTOBRE 2017

Il mese centrale della stagione autunnale, chiude, nelle nostra zona, in sopra media termica (+1,1°C.) e, purtroppo, soprattutto con un disastroso deficit pluviometrico (-95%).

Il mese è stato caratterizzato da condizioni anticicloniche praticamente permanenti: pochi ed effimeri gli impulsi perturbati e tante giornate di cielo sereno o poco nuvoloso con scarsa ventilazione. Ecco che nel complesso infatti le temperature MAX sono risultate di ben 1,5°C. superiori alla media mensile di riferimento: molto mite nelle ore diurne soprattutto la decade centrale del mese, sia in termini assoluti (la più calda del mese, con MAX oltre i +22/+23°C. e picchi oltre i +24°C. in collina sui 400mt), sia in termini relativi (scarto dalla media climatica di oltre 3°C.!). Per quanto riguarda le notti, in collina, le temperature MIN sono state in linea con le medie di riferimento sia nella prima che nella terza decade del mese, ma notevolmente sopra nella seconda, con uno scarto di oltre +2°C.: nel complesso, su scala mensile, l’anomalia positiva risulta comunque più contenuta (+0,7°C.) rispetto alle MAX, ma pur sempre positiva, cosa che invece non è avvenuta in pianura dove le MIN sono risultate quasi ovunque ben inferiori alle medie, grazie al fenomeno dell’inversione termica. Il giorno mediamente più caldo in collina è stato il 4, quello più freddo il 23.

Dal punto di vista pluviometrico, purtroppo, dobbiamo annotare l’ennesimo mese che chiude in forte deficit pluviometrico, il nono negli ultimi 11 mesi. A partire da dicembre 2016 infatti, i soli mesi che hanno registrato un surplus pluviometrico sono stati febbraio e settembre, tutti i restanti mesi hanno chiuso invece con deficit più o meno importanti, in alcuni casi disastrosi (dicembre, aprile, luglio e, appunto, ottobre). Solo tre i giorni di pioggia, a fronte dei 9 normalmente attesi, il più piovoso dei quali è stato il giorno 6. Alla nostra stazione OPC solo 5mm l’accumulo totale mensile, a testimonianza di un ottobre tra i più secchi degli ultimi 50 anni, avvenuto purtroppo in un contesto già di conclamata siccità per le nostre zone.